Ultima modifica: 8 Luglio 2015
Home > Archivio > Su di noi > Metodologia e obiettivi

Metodologia e obiettivi

L’Archivio Storico della scuola permette di condurre ricerca storico-didattica in un luogo prossimo. Questo per gli allievi può essere motivante perché lì sono conservati documenti che raccontano storie a loro vicine: ne sono protagonisti i loro coetanei di altri tempi (a cui a volte sono affettivamente legati), e di un’istituzione della cui vita hanno esperienza diretta e che hanno possibilità di comparare con il loro presente.
Queste pratiche hanno una forte valenza perché tendono a sviluppare il “saper fare”, le abilità e quei saperi che sono alla base della costruzione della conoscenza storica. Gli allievi possono fare storia acquisendo gli strumenti dello storico, un metodo di lavoro, una capacità di giudizio che potranno utilizzare anche in altri ambiti disciplinari e che sicuramente rifluiranno nello studio della storia intesa in senso più tradizionale.
Questa metodologia di lavoro ci sembra, inoltre, possa essere utile a formare le competenze di Cittadinanza e Costituzione: per la promozione di persone consapevoli e responsabili, dotate di conoscenze e di competenze, che in sede europea si definiscono chiave perché capaci di aprire le porte del sapere, del senso della vita e della «cittadinanza».

Obiettivi specifici

  • Rendere consapevoli gli alunni dell’importanza dell’archivio come luogo di conservazione di documenti storici.
  • Imparare a condurre una ricerca storica in archivio: ricavare informazioni da una fonte, confrontare le informazioni presenti, cogliere i limiti della fonte, contestualizzare, formulare ipotesi interpretative, individuare differenze tra passato e presente, realizzare interviste a testimoni.

Metodologia di lavoro
La metodologia di lavoro proposta è quella che vuole aiutare gli alunni a raggiungere le competenze chiave di cittadinanza e cioè:

  • imparare a imparare
  • progettare
  • comunicare
  • collaborare e partecipare
  • agire in modo autonomo e responsabile
  • risolvere problemi
  • acquisire e interpretare le informazioni

Per ottenere questi obiettivi la didattica utilizzata nell’archivio/laboratorio di storia deve fare risaltare la centralità dello studente sia in quanto protagonista attivo del suo apprendimento, sia come punto di riferimento essenziale per la costruzione, da parte del docente, di adeguate strategie di apprendimento. È importante che le proposte di lavoro siano interessanti per gli alunni, la motivazione forte è alla base dell’apprendimento. È necessario predisporre degli stimoli che coinvolgano i ragazzi (domande a cui trovare risposte, problemi da risolvere). Il percorso deve muoversi secondo le coordinate presente-passato-presente, così che l’alunno parta dalla sua esperienza che gli consente di formulare ipotesi, inferenze, confronti e che poi, a fine ricerca, torni al presente per verificare come quanto ha imparato gli permetta di leggere la realtà che lo circonda con maggiore consapevolezza.